Filtra per argomento

Parole chiave

invia il tuo comunicato

Privacy, oltre 400 milioni di euro di sanzioni in Europa nel 2019

Studio di Federprivacy rileva che lo scorso anno sono state 190 le multe comminate dalle autorità per la privacy nello SEE per un totale di 410 milioni di euro. Il Garante italiano è l'authority più attiva con 30 provvedimenti, mentre la più severa è quella del Regno Unito con sanzioni per 312 milioni. Ancora all'asciutto Irlanda e Lussemburgo. Bernardi: "Fenomeno di autorità di controllo a doppia velocità". Il 44% dei casi per trattamenti illeciti di dati. Settore più colpito quello della p.a. con il 17% del totale delle multe

Firenze, 7 gennaio 2020 - Ammontano a circa 410 milioni di euro le sanzioni che sono state inflitte lo scorso anno in 190 procedimenti condotti dalle autorità di controllo per la protezione dei dati personali europee. A evidenziarlo è l'ultimo rapporto statistico dell'Osservatorio di Federprivacy "Sanzioni privacy in Europa 2019", frutto di un'analisi svolta presso le fonti istituzionali dei trenta paesi dello Spazio Economico Europeo (SEE).

L'autorità più severa in assoluto è risultata quella del Regno Unito (ICO), che ha irrogato multe per 312 milioni di euro, pari al 76% del totale complessivo delle nazioni prese in esame.

Nella graduatoria invece delle autorità più attive, vi sono al terzo posto quella rumena (ANSPDCP) con 20 sanzioni comminate, seconda quella spagnola (AEPD) con 28, e prima quella italiana con 30 provvedimenti sanzionatori irrogati nel 2019 per un totale di € 4.341.990.  

Nonostante il Garante per la privacy italiano attenda da oltre sei mesi di rinnovare il collegio scaduto dal 19 giugno dello scorso anno, l'Authority guidata da Antonello Soro, attualmente in regime di prorogatio con poteri limitati alla gestione degli affari di ordinaria amministrazione e quelli indifferibili e urgenti, ha comunque continuato a svolgere regolarmente le proprie attività ispettive, e già alla fine del primo semestre del 2019 aveva proceduto all'iscrizione a ruolo di 779 contravventori con una riscossione complessiva prevista di circa 11 milioni di euro. 

Se il Gdpr ha assunto ormai piena efficacia da oltre un anno e mezzo con multe che possono arrivare fino a 20 milioni di euro o fino al 4% del fatturato annuo globale dei trasgressori, d'altra parte il rapporto evidenzia che vi sono autorità di controllo che attendono ancora di irrogare le prime sanzioni con il Regolamento UE, come quelle di Irlanda e Lussemburgo, dove hanno la propria sede europea la maggior parte delle multinazionali straniere che trattano dati personali su larga scala. A tal proposito, il presidente di Federprivacy Nicola Bernardi osserva:

«Il Gdpr ha posto le basi per una normativa sulla protezione dei dati personali più omogenea all'interno dell'UE, e anche il nuovo regime sanzionatorio costituisce un efficace strumento dissuasivo nel contrasto alle violazioni. Tuttavia, il rapporto sembra evidenziare un fenomeno di autorità di controllo a doppia velocità, con quella inglese che ha già multato pesantemente British Airways e Marriot, mentre la sua vicina omologa irlandese, benché sia autorità capofila competente per diversi colossi della tecnologia, non ha inflitto ancora nessuna sanzione. Auspichiamo quindi che il meccanismo del "one stop shop" non finisca per agevolare in modo distorto società come Facebook, Twitter, Amazon e Google, e che  si possano conoscere presto gli esiti delle 19 indagini che risultano essere state avviate in Irlanda.»

Tra le infrazioni che sono state più spesso sanzionate, nel 44% dei casi hanno riguardato trattamenti illeciti di dati, nel 18% dei procedimenti sono state riscontrate insufficienti misure di sicurezza, e una multa su cinque è scaturita dalla omessa o inidonea informativa (9%) o dal mancato rispetto dei diritti degli interessati (13%), mentre il 9% delle sanzioni sono scattate a seguito di incidenti informatici o altri data breach. 

I settori che risultano più colpiti sono la pubblica amministrazione con il 17% del totale delle multe, e le telecomunicazioni con 28 procedimenti sanzionatori (14,7%) sul totale dei 190 comminati nel 2019. 

Ufficio Stampa Federprivacy

Email:press@federprivacy.org
Web:www.federprivacy.org
Twitter:@Federprivacy
Mobile: +39 340 2893068

Informazioni su Federprivacy: Federprivacy è associazione professionale italiana fondata nel 2008 e iscritta presso il Ministero dello Sviluppo Economico ai sensi della Legge 4/2013. Nello svolgimento delle proprie attività istituzionali, fornisce vari servizi a beneficio dei propri associati, che possono ricevere la rivista trimestrale Privacy News e la newsletter settimanale che vanta circa 20mila lettori, con la possibilità di ottenere l'attestato di qualità in formato tesserino plastificato, attivare polizze assicurative "ad hoc", e partecipare a corsi di formazione e workshop tematici rivolti agli specialisti della protezione dei dati. Per ulteriori informazioni, visitare il sito www.federprivacy.org nella sezione "Chi Siamo".

Per informazioni:
Mediamover
340 2893068
info@mediamover.it